Mario Del Pero

Candidati deboli

La polmonite d’Hillary introduce un’ulteriore variabile in questo strano ciclo elettorale. Una variabile che, come molte altre, segnala la vulnerabilità di entrambi i candidati. È questo un dato difficilmente oppugnabile oggi: a fronteggiarsi sono due contendenti fragili, che non a caso hanno impostato una campagna principalmente negativa, centrata sulla sottolineatura delle reciproche debolezze. Misurabili, queste, attraverso diversi parametri. L’anagrafe, innanzitutto: i 68 anni di Hillary Clinton e i 70 di Donald Trump. Che se eletti sarebbero tra i più vecchi presidenti nella storia degli Stati Uniti (rispettivamente terza e primo, con il Ronald Reagan del 1980 nel mezzo). E che tutto trasmettono fuorché vitalità e dinamismo, come dimostrato dalle tante insinuazioni fatte circolare dalle due parti sullo stato di salute dell’avversario. L’anagrafe s’intreccia con un secondo, palese fattore: la straordinaria impopolarità di Clinton e Trump. Secondo gli ultimi sondaggi Gallup, un ampio numero di americani – attorno al 50% per Clinton, dieci punti in più per Trump – danno una valutazione negativa dei due candidati. Si tratta, nuovamente di numeri record. Che si accompagnano alla diffusa sfiducia sulla stessa integrità di Hillary Clinton e Donald Trump. In un recente sondaggio CNN coloro che dissentivano con l’affermazione secondo la quale la Clinton sarebbe “onesta e degna di fiducia” sfiorava il 70%; per Trump si attestava attorno a un comunque altissimo 55%. Come ha sottolineato l’analista di Gallup V. Lance Tarrance, quella a cui stiamo assistendo è una “battaglia epica tra due individui che non sono stati capaci di riabilitare la propria immagine presso il pubblico americano e che quindi puntano tutto sul rendere il più sgradevole possibile il proprio opponente”. Lo fanno anche per dare risposta a una terza e ultima debolezza: la loro limitata capacità di mobilitare appieno le proprie basi elettorali, come è vitale fare per poter ambire alla Presidenza. Tra l’establishment repubblicano sono sorti comitati a sostegno di Hillary e non passa giorno senza che appaia sui principali quotidiani statunitensi l’articolo di qualche conservatore che annuncia di non poter votare per Trump, vuoi per la sua politica estera isolazionista e protezionista vuoi per il suo passato libertino e filo-democratico. A sinistra e tra i giovani, la Clinton convince poco o nulla: per la sua moderazione; per una carriera marcata da svolte tanto repentine quanto opportunistiche; per il suo convinto sostegno a un interventismo centrato anche sull’uso dello strumento militare.
Ma come si è giunti a ciò? Come si spiega questa bizzarra sfida tra due candidati tanto impopolari? Due risposte possono essere offerte. La prima è comune a entrambi, anche se colpisce ovviamente di più la Clinton. Ed è l’avversione di un pezzo rilevante d’America verso una politica che appare lontana, delegittimata e priva di credibilità. La seconda spiegazione è invece diametralmente opposta per le due parti. Semplificando, si potrebbe dire che la selezione dei due candidati ha mostrato un establishment troppo debole tra i repubblicani e troppo forte tra i democratici. Il primo ha cercato di cavalcare spregiudicatamente il vento dell’antipolitica nella sua opposizione pregiudiziale e rigida a Obama, finendone però malamente disarcionato e ritrovandosi così con un candidato ingestibile e, anche, impresentabile. Il secondo ha invece preso in ostaggio il ciclo elettorale, dissuadendo altri possibili competitori e portando alla nomination una figura tanto preparata e competente quanto inadeguata a una fase storica, e a un umore politico, che ben altro richiedevano. Perché malattia o meno, Hillary Clinton è a tutti gli effetti la candidata sbagliata: l’esponente emblematica di una vecchia politica che l’America, a torto o ragione, oggi rigetta; la rappresentante di un approccio moderato e centrista in un contesto polarizzato che premia invece la radicalità; l’algida tecnocrate in un’era di demagogico populismo. L’avversaria ideale di Donald Trump, insomma, e forse una delle poche ragioni per le quali il miliardario newyorchese abbia ancora qualche chance di arrivare alla Casa Bianca.

Il Mattino, 13 settembre 2016

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on Tumblr0Email this to someonePrint this page