Mario Del Pero

Archivio mensile: ottobre 2017

Russiagate: è partita la slavina?

La slavina era lì, che attendeva da tempo di essere innescata. Perché se è vero che sono tante le commissioni congressuali che hanno aperto delle inchieste sulle presunte ingerenze russe nella campagna elettorale che ha portato Trump alla Casa Bianca è altresì vero che l’indagine più importante, che può davvero far cadere questo Presidente, è quella condotta, su nomina del dipartimento della Giustizia, dall’ex direttore dell’FBI Robert Mueller. Ieri Mueller ha proceduto a mettere in stato d’accusa l’ex manager della campagna elettorale di Trump, Paul Manafort, e il suo partner in affari, Rick Gates. Separatamente, un altro ex consigliere di Trump, George Papadopoulos, ha ammesso di avere mentito in merito a un suo incontro avvenuto nell’aprile del 2016 con un emissario russo che prometteva di offrire informazioni compromettenti su Hillary Clinton.
Manafort e Gates sono accusati per fatti non direttamente collegati alle elezioni dell’anno scorso. I capi di accusa – riciclaggio, evasione fiscale, mancato rispetto delle leggi in materia di lobbying all’estero – si riferiscono alle attività di consulenza svolta da Manafort per il governo ucraino filo-Putin (e, in seguito, per l’opposizione al nuovo esecutivo di Kiev formatosi nel 2014). La strategia di Mueller appare però chiara: stringere il cerchio attorno ad alcuni di coloro che furono i più stretti collaboratori di Trump per individuare legami con le ingerenze di Mosca e, ancor più, costringerli a cercare un qualche patteggiamento in cambio d’informazioni che permettano di fare luce su tali ingerenze. Altre indagini parallele sono in corso di svolgimento, a partire da quella sull’ex Consigliere per la Sicurezza Nazionale di Trump, il generale Michael Flynn, rimasto in carica solo pochi giorni prima che venissero rivelate sia le suo menzogne sugli incontri con l’ambasciatore russo sia le sue consulenze, retribuite e non riportate, per il governo turco.
È una storia torbida e di difficile decrittazione, quella su cui sta indagando Mueller. Nella quale convergono ovviamente varie dinamiche: l’atteggiamento spregiudicato della famiglia Trump rispetto a un conflitto d’interessi – tra il loro impero immobiliare e il loro ruolo politico – non gestito e forse non gestibile; le possibili, dirette collusioni, tra una potenza straniera, la Russia, desiderosa d’impedire una vittoria della Clinton, e un candidato pronto a tutto e privo, come ha più volte dimostrato, di qualsiasi, elementare senso delle istituzioni; un establishment washingtoniano, di cui anche i vertici dell’intelligence fanno parte, pronto a usare qualsiasi mezzo contro un Presidente ritenuto pericoloso, per il paese e, anche, per i propri privilegi.
E lo scontro in atto sembra essere anche questo: l’azione di un’élite ostile a Trump per ragioni nobili (la difesa delle istituzioni, appunto, e la tutela di una sicurezza nazionale che, se fossero confermate le accuse, sarebbe stata violata dalle ingerenze russe) e meno nobili (l’autodifesa corporativa contro l’assalto mosso dal populismo trumpiano). L’altra partita si gioca però tutta all’interno del partito repubblicano. Perché il lungo e tortuoso percorso che potrebbe eventualmente portare all’impeachment del Presidente è un processo politico realizzabile solo laddove una maggioranza dei repubblicani al Congresso scaricassero Trump. Ovvero quando questa opzione divenisse politicamente (ed elettoralmente) vantaggiosa se non addirittura necessaria. A quello stadio non si è ancora giunti. Anzi, a oggi Trump preserva un ampio sostegno tra una base repubblicana che, sondaggi alla base, continua a minimizzare o negare la rilevanza dello scandalo russo anche laddove esso fosse confermato dall’inchiesta di Mueller. Ovviamente, nuove scoperte e rivelazioni potrebbero modificare questo stato di cose, alterando gli umori di un’opinione pubblica conservatrice finora schierata senza remore dalla parte del Presidente. Una svolta, però, che cozza contro forme di polarizzazione politica ed elettorale che sembrano costituire la vera cifra distintiva degli Usa oggi. Di un paese, cioè, diviso in due campi sempre più distanti e incapaci di comunicare. Dove il fattore primario di mobilitazione diventa l’ostilità alla controparte. E dove qualcuno come Donald Trump può non solo diventare Presidente, ma addirittura rischiare di rimanere al suo posto anche laddove fossero scoperte sue collusioni con uno stato estero quali quelle su cui sta indagando Mueller.

Il Mattino, 31 ottobre 2017

Pistole fumanti?

L’ha gestita con indubbia maestria, Donald Trump. Ha fatto quel che qualsiasi altro Presidente avrebbe fatto (e dovuto fare): rendere pubblici, alla scadenza prevista dei 25 anni, migliaia di documenti ancora secretati (in parte o totalmente) relativi all’assassinio di John Kennedy, accettando però la richiesta degli apparati d’intelligence di mantenere una proroga di altri sei mesi per alcuni materiali particolarmente sensibili. Accompagnando il processo con i suoi tweet conditi dagli immancabili punti esclamativi, Trump ha celebrato questo momento di “grande trasparenza” e l’abbattimento degli spessi diaframmi che ancora esistono tra potere e popolo, eletti e loro rappresentanti.
Poco può, però, il populismo trumpiano contro l’inevitabile delusione di chi sperava di trovare in questi documenti risposte se non definitive almeno rivelatrici. In grado, cioè, di sollevare alcune delle tante opacità che ancora circondano la vicenda.
Nessuna pistola fumante, insomma. Nessun aiuto a comprendere se Oswald, l’assassinio di Kennedy, abbia quantomeno goduto di una rete di appoggi e aiuti; o se vi fosse qualcuno dietro Jack Ruby, il proprietario di nightclub che uccise Oswald due giorni più tardi. È probabile, anzi certo, che quelle pistole fumanti non vi siano nemmeno nei documenti rimasti secretati. Perché non esistono; o perché, se mai fossero davvero esistite, è difficile credere che non siano state distrutte.
Allo storico, di suo diffidente verso i complotti e le teorie cospirative, restano però migliaia di documenti che si aggiungono ai tanti già esistenti. Documenti che non permettono di smentire la tesi ufficiale sull’uccisione di JFK. Ma che aiutano a capire meglio il clima dell’epoca, la pervasività della guerra fredda tra Usa e Urss, il suo impatto politico, culturale e sociale dentro gli Stati Uniti, l’ossessione americana per la “perdita” di Cuba, il peso della questione razziale e l’odio del sud segregazionista verso un Presidente, Kennedy, che sui diritti civili aveva in realtà fatto assai poco.
Tre, in particolare, sembrano essere le indicazioni principali offerte da queste nuove fonti. La prima è l’assoluta centralità di Cuba e di Fidel Castro, destinata a protrarsi ben oltre la crisi dei missili dell’ottobre 1962 e lo stesso assassinio di Kennedy. Uno stato filosovietico a pochi chilometri dalle coste statunitensi minacciava di alterare gli equilibri strategici e costituiva un pericoloso precedente in tutto l’emisfero. Soprattutto, rappresentava un’umiliazione che si riverberava politicamente dentro gli stessi Stati Uniti, con una comunità di esuli anti-castristi destinata a svolgere un importante ruolo in uno stato cruciale come la Florida e uno scontro, durato fino ad oggi, su quale linea tenere nei confronti de L’Avana. I documenti non aggiungono nulla di particolarmente piccante a quanto non rivelarono già le commissioni d’inchiesta del Congresso negli anni Settanta (e, in altra salsa, le storie della muta da sub avvelenata da regalare a un ignaro Castro o le conchiglie esplosive da deporre nel mare dove nuotava il leader cubano erano già note). Ma ci ricordano il peso politico e simbolico spropositato avuto da Cuba e dalla sfida del castrismo.
Il secondo elemento evidenzia come i paraocchi ideologici della Guerra Fredda potessero generare pericolosi fraintendimenti dei comportamenti e degli obiettivi degli avversari. Stando agli informatori dell’FBI, in Unione Sovietica si temette che l’eliminazione di Kennedy fosse parte di un golpe promosso dalla ultra-destra contraria a qualsiasi accomodamento con Mosca e pronta a invadere Cuba (una lettura non dissimile, sappiamo, fu data in occasione dell’attentato a Reagan nel marzo del 1981). Uno stato di allerta estrema ne seguì con tutti i rischi del caso.
Terzo e ultimo: le torbide interazioni tra politica, malavita e spettacolo, sulle quali si gettò con invariabile voracità l’FBI di Edgar Hoover. L’America kennediana – raccontano molti di questi documenti – è un’America di gangster, attori, ballerine; di escort che dichiarano all’FBI di essere state contattate per partecipare a festini con John Kennedy, Frank Sinatra e Sammy Davis Jr. o di manoscritti inediti che rivelano nuovi dettagli su presunte storie tra Marilyn e Bobby Kennedy, il fratello minore di John (oltre che suo ministro della Giustizia). Un’America, insomma, dove la possibilità che ci fossero altri dietro Oswald non è probabilmente vera, ma non può non apparire verosimile.

Il Mattino, 28 ottobre 2017

Trump e JFK

Con uno dei consueti tweet, Donald Trump ha annunciato a sorpresa che non intende porre veti alla desecretazione di alcune migliaia di documenti relativi all’assassinio di John Kennedy. Si tratta di materiali depositati a inizio anni Novanta presso gli archivi nazionali di College Park, Maryland, e per i quali è in scadenza il periodo di 25 anni oltre cui non vale più la secretazione imposta allora. Una parte, la più cospicua, consiste di documenti generati principalmente dagli apparati d’intelligence durante gli anni Sessanta e Settanta. In molti casi si tratta di fonti già parzialmente accessibili che sarebbero quindi soggette a una “declassificazione” completa e finale (in questi casi, i passaggi ancora coperti da segreto sono quasi sempre quelli che permettono di individuare persone e agenti coinvolti; trattandosi di informazioni di mezzo secolo fa o più, viene meno la ragione – privacy, protezione degli individui o sicurezza nazionale – che aveva giustificato inizialmente il mantenimento del segreto). Alcune decine di documenti sono invece relative a un periodo ben più recente: gli anni Novanta, quando CIA, FBI e dipartimento della Giustizia furono chiamati a produrre materiali aggiuntivi su richiesta di una commissione federale incaricata dall’allora Presidente George Bush Sr. (e sull’onda della pressione pubblica generata dal famoso film “JFK” di Oliver Stone) di decidere quali nuovi materiali potessero essere desecretati senza danneggiare la politica estera e di sicurezza del paese.
Fino a pochi giorni fa, esperti e studiosi davano per scontato che Trump avrebbe scelto la linea della cautela, rendendo pubblici solo una parte – e presumibilmente quella meno sensibile – di tali documenti. Questa previsione derivava dal convincimento che il Presidente potesse individuare nella vicenda un modo per riaffermare ancora una volta un privilegio esecutivo interpretato in modo ampio e flessibile. Questo tweet presidenziale sembrerebbe smentire tale previsione, anche se il condizionale rimane d’obbligo vista la frequente volubilità di gesti, convinzioni e scelte dell’attuale inquilino della Casa Bianca.
Se Trump dovesse dare corso a questa sua promessa, a quanto pare avversata dalla CIA, si potrebbe forse dare risposta a uno dei grandi misteri della storia americana. Probabilmente scoprendo l’infondatezza di tante delle leggende cospirative che da sempre aleggiano attorno alla morte di John Kennedy. Leggende che peraltro lo stesso Trump – in passato non alieno da infatuazioni complottiste contro i suoi rivali politici e imprenditoriali – ha talvolta alimentato, come durante le primarie repubblicane quando accusò il padre del suo principale rivale, il senatore del Texas Ted Cruz, di essere in qualche modo coinvolto nell’assassinio di JFK.
Dando per scontato, come lo storico non può non fare, che dall’eventuale declassificazione totale di questi documenti non usciranno rivelazioni sconvolgenti, ci si deve allora interrogare sul perché di questa eventuale scelta, liberale e trasparente, del Presidente. A riguardo, due solide ipotesi possono essere avanzate. La prima è che Trump usi questa vicenda, in sé marginale e minore, per colpire quegli apparati d’intelligence che in questi mesi di Presidenza sono stati i suoi principali nemici dentro il governo: quella CIA e quell’FBI che hanno spesso passato soffiate anti-Trump ai media e che, soprattutto, stanno indagando sulle possibili ingerenze russe nella campagna elettorale del 2016. La seconda è che il Presidente voglia soddisfare una base elettorale conservatrice che di suo ha prodotto negli anni un vasto campionario di dietrologie cospirative sull’affare Kennedy e alla quale Trump potrebbe presentarsi una volta ancora come un leader anti-establishment, capace di rompere schemi consolidati, abbattendo quei diaframmi di segretezza che separano il potere dal popolo. Sarebbe insomma una mossa efficacemente populista, quella del Presidente americano. Anche se sappiamo bene, ormai, che tra i suoi tweet e le sue azioni, così come tra le sue parole e la verità vi è spesso un legame assai fragile e tenue.

Il Mattino, 22 ottobre 2017

Trump, Unesco e Iran

Era nell’aria e in larga misura annunciata la decisione degli Usa di uscire dall’Unesco, l’organizzazione delle Nazioni Unite che si occupa di scienza, educazione e, soprattutto, di protezione e valorizzazione dei patrimoni naturali e culturali. Così come era nell’aria questo primo colpo, importante ma per il momento non risolutivo, all’accordo sul nucleare iraniano.
L’Unesco è diventata – come altre organizzazioni internazionali – la bestia nera degli Usa, che già una prima volta, con Reagan nel 1984, ne uscirono, per poi rientrarvi diciotto anni più tardi. Un bersaglio peraltro molto facile: per la sua sostanziale leggerezza istituzionale; per la sua scarsa rilevanza politico-diplomatica; perché incarnazione emblematica di una filosofia internazionalista, non priva di ambiguità, divenuta col tempo fortemente invisa alla destra statunitense.
Se letti in chiave storica, la decisione di Trump, le ragioni che vi sottostanno e gli obiettivi che gli Usa si prefiggono di raggiungere diventano più intelligibili. La giustificazione, solo in parte sostanziale, si lega all’accettazione nell’Unesco della Palestina come paese membro e ad alcune decisioni a dir poco discutibili su Gerusalemme e Hebron (la seconda, dove vi è un fondamentale luogo santo ebraico come la Tomba dei Patriarchi, è stata addirittura definita come sito di patrimonio palestinese). Dopo l’ammissione della Palestina nel 2011 Obama è stato obbligato per legge a sospendere il pagamento delle quote annuali statunitensi, corrispondenti a più di un quinto del totale del bilancio; negli anni gli Usa hanno maturato un significativo debito nei confronti dell’organizzazione che oggi non intendono più saldare.
Sotto traccia scorrono però logiche e scopi più ampi e anche ambiziosi, che si rintracciano pure nella vicenda del nucleare iraniano. Rispetto al quale Trump rimanda in ultimo la decisione al Congresso, annunciando di sospendere la certificazione del rispetto da parte di Teheran dei termini dell’accordo del luglio 2015, confermato invece in più occasione dai rapporti dell’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica.
Come si può spiegare quanto sta avvenendo? Innanzitutto, si tratta di gesti che per il momento rimangono ad alto contenuto simbolico e basso effetto pratico. Trump sembra muoversi nel solco tracciato a suo tempo già da Ronald Reagan e che alcuni storici definirono il “paradosso reaganiano”: lo scarto tra retorica roboante e politiche comunque attente ad evitare vere e proprie escalation. La voce grossa di Trump, in altre parole, non genera ancora decisioni che possono precipitare vere e proprie crisi internazionali. Come nel 1984, l’Unesco diventa il facile surrogato di bersagli che, se presi di mira, genererebbero riverberi ben più ampi e pericolosi.
Colpire l’organizzazione parigina permette però al Presidente di fare sfoggio di un nazionalismo anti-intellettuale (di cultura, in fondo, con l’Unesco si parla) che piace molto, moltissimo a quella base radicalmente conservatrice che ha portato Trump alla Casa Bianca e dal cui continuo sostegno dipendono in buona misura le sue sorti politiche. E questo c’indica la seconda matrice, tutta politica, delle iniziative di Trump: che sono funzionali alla costruzione e alla preservazione del consenso; e che si spiegano anche come parti di dinamiche interne ai repubblicani e della dialettica tra l’amministrazione e un Congresso al quale ora Trump gira l’eventuale responsabilità ultima di far implodere o meno l’accordo sul nucleare iraniano.

Il Giornale di Brescia, 14 agosto 2017