Mario Del Pero

Archivio Tag: convention

Keep goin’ Hillary

Intervento davvero alto, quello di Hillary Clinton ieri sera alla
convention (cfr. qui). Intelligente e corretto, per il futuro politico suo e
del partito. Ma soprattutto appassionato e di sinistra come è raro sentire di
questi tempi. Intriso di eccezionalismo progressista e orgoglio democratico. Verrebbe voglia di dire “rooseveltiano” nei toni efficacemente populisti, nell’invocazione ad ampliare la rete di protezioni sociali e a confrontarsi con ineludibili sfide globali. Tante delle scelte e dei comportamenti della Clinton di questo
ultimo anno sono stati censurabili. Ma di fronte al discorso di ieri sera ci si
può solo togliere il cappello.

Convention e famiglie

La Michelle Obama che si
proclama moglie, figlia, madre e sorella rimanda a topoi classici del discorso politico
statunitense (cfr qui). Mette al centro del discorso la famiglia e comincia così quell’opera
di normalizzazione dell’immagine di Obama che è uno dei grandi obiettivi di
questa convention. Normale e pure straordinaria è infatti per definizione la
famiglia americana: il rifugio protettivo; il luogo privilegiato della democrazia dei consumi; ma anche il medium ove si può realizzare l’American dream. E normali e
straordinari gli Obama stanno cercando di rappresentarsi. Normali nell’aver
costruito una famiglia; straordinari nell’aver potuto beneficiare di famiglie,
per quanto monche, che ne hanno permesso il successo e la realizzazione. Per
farlo non si esita a celebrare i fratelli, a ringraziare la mamma e a raccontare
delle grucce del povero papà, afflitto da sclerosi multipla, che ogni mattina ci
metteva un po’ di più a vestirsi. Dicono sia stato un successo, il discorso di Michelle, ma io ne avrei
fatto volentieri a meno e spero che almeno per una volta Biden non racconterà
dell’incidente che nel 1972 gli portò via la prima moglie e la figlioletta di
un anno.