Mario Del Pero

Trump in Asia

È un viaggio davvero importante, verrebbe voglia di definirlo cruciale, quello che Donald Trump sta compiendo in Asia e che dopo il Giappone lo porterà in Corea del Sud, Cina, Vietnam e Filippine. Perché è sulle rotte asiatiche e transpacifiche che corrono – complesse, contradditorie e minacciose – alcune delle interdipendenze più significative dell’ordine internazionale corrente.
Tre, in particolare, sono i dossier fondamentali. Il primo è rappresentato dalla relazione tra Cina e Stati Uniti. Che si caratterizza per la compresenza di collaborazione e rivalità, forme oggettive di convergenza e finanche integrazione (in particolare in ambito economico) e tentazioni competitive potenzialmente molto pericolose. Direttamente legato a questo primo elemento vi è il secondo dossier, costituito da un’architettura di sicurezza regionale fragile e parziale. Che rimane americano-centrica, laddove gli Stati Uniti continuano a costituire il principale fornitore di sicurezza attraverso una serie di accordi bilaterali con cui gli Usa estendono la loro protezione militare a vari soggetti regionali, a partire da quello giapponese. Ma che non è organizzata e istituzionalizzata come sullo spazio nord-atlantico, grazie alla Nato. E che è oggi soggetta a varie sfide: quella della Cina, che cerca di estendere la sua presa, alzando la soglia della tensione con i vicini (Giappone e Vietnam su tutti) e investendo pesantemente in difesa (un +7% nel 2017); quella della Corea del Nord, che non solo si dota di un deterrente nucleare, ma, con i suoi atti minacciosi e le sue dichiarazioni roboanti, rischia di scatenare una corsa regionale agli armamenti che esaspererebbe le relazioni tra i soggetti dell’area e scardinerebbe definitivamente il fragile ordine regionale; quella, infine, degli stessi alleati degli Usa, che anche per ragioni di politica interna sembrano sempre più attratti da soluzioni unilaterali con cui affrancarsi dalla dipendenza strategica nei confronti di Washington.
Terzo e ultimo: il commercio. Con la Cina che è diventata il soggetto egemone in termini di scambi e investimenti. Con molti stati asiatici preoccupati da ciò e dalle sue implicazioni per la loro sicurezza e sovranità. E con gli Stati Uniti di Trump incapaci di mettere in asse il loro primato strategico con la loro decrescente centralità commerciale, anche a causa del definitivo affondamento del Trattato di Libero Scambio Transpacifico (TPP) che tra le altre cose doveva permettere di bilanciare questo primato cinese.
Ci vorrebbe una mano cauta, attenta, competente e, anche, fortunata per gestire un simile, complicatissimo intreccio. Ahimè, quella mano non sembra oggi risiedere alla Casa Bianca, come queste prime tappe del viaggio di Trump hanno ben rivelato. Il discorso rozzo e semplificato del Presidente sembra anzi acuire i problemi e infiammare le tensioni sia con la Cina sia con gli alleati degli Usa. Trump, è ovvio, parla a quella pancia conservatrice della sua opinione pubblica interna dal cui sostegno dipendono in ultimo le sue sorti politiche. Lo fa accusando il Giappone per surplus commerciali che però derivano dalla maggiore competitività di Tokyo più che da pratiche scorrette o svalutazioni competitive; minacciando la Nord Corea e promettendo soluzioni militari difficilmente praticabili; sfidando, infine, una Cina della cui collaborazione gli Usa hanno in realtà molto bisogno. Agendo, in altre parole, come fattore di destabilizzazione di un ordine asiatico di suo immensamente delicato e complesso.

Giornale di Brescia, 8 novembre 2017