Mario Del Pero

Razzismo, “Shitholes” e degrado della politica

“Shithole”, letteralmente “cessi” o, meglio, “posti di merda”. Così Donald Trump ha apostrofato, durante un incontro con alcuni senatori, paesi come Haiti o la Nigeria (“perché, ha continuato il Presidente, “i nostri immigrati vengono da questi paesi e non invece dalla Norvegia?”). Un commento volgare, insensibile e, sì, squallidamente razzista. Che gli è valso pure la pesante denuncia dell’agenzia per i diritti umani delle Nazioni Unite. Poco importa se Trump creda a quel che dice – in fondo tutta la sua vita è contraddistinta da cambi di opinione repentini e radicali – o se questa aggressiva grossolanità razzista sia strategica: a uso e consumo, cioè, di quell’elettorato repubblicano più becero e retrivo che ancor oggi lo appoggia con entusiasmo e dal cui sostegno egli dipende. E poco importa, anche, se quest’ultimo episodio confermi la fragilità psichica e l’inconsistenza intellettuale di Trump denunciate nel recente libro sul suo primo anno di presidenza del giornalista Michael Wolff. Che Trump non stia proprio bene lo rivelano in fondo i suoi frequenti tweet delle tre del mattino, nei quali prende in giro di volta in volta l’ex modella ingrassata e fuori forma o l’avversario politico “fallito” e “perdente”.
La domanda da porsi è invece come questo sia possibile: come una figura simile possa essere giunta alla Casa Bianca, in un’America dove più che altrove il linguaggio si è fatto negli anni attento, se non addirittura asettico, in nome di un politicamente corretto particolarmente sensibile proprio alle questioni razziali.
Tre sono le risposte possibili, tra loro strettamente intrecciate. La prima riguarda un imbarbarimento e un degrado del discorso pubblico che Trump oggi certo alimenta, ma del quale è per molti aspetti il prodotto ben più che la causa. Incidono le forme nuove di una comunicazione che, quando applicate all’opaca complessità della politica, producono e legittimano messaggi urlati e binari, che trivializzano realtà complesse e difficili. Pesano il discredito e la delegittimazione di élites politiche di loro non prive di responsabilità, ma che oggi sono il bersaglio facile e privilegiato del clima anti-intellettuale in cui viviamo. Ma opera – ed è questo il secondo fattore sul quale soffermarsi – anche la polarizzazione che contraddistingue le democrazie più avanzate: società divise e fratturate, queste, dove i meccanismi di mobilitazione di una parte passano attraverso la delegittimazione di un avversario trasformato automaticamente in nemico assoluto e quindi illegittimo. Il circolo vizioso è qui tanto perverso quanto, soprattutto negli Usa, visibile. Democrazie efficienti abbisognano di quella moderazione e di quei compromessi che in un contesto polarizzato diventano difficili se non impossibili; la conseguente, e frequente, improduttività dell’azione politica catalizza a sua volta un’ulteriore delegittimazione dei soggetti tradizionali che la svolgono, facilitando così l’ascesa di demagoghi radicali come Trump. In un simile contesto, con elettorati quasi militarizzati contro nemici assoluti, percepiti come veri e propri pericoli per la democrazia e la propria stessa libertà, prevalgono logiche d’identificazione e di appartenenza strettamente identitarie. Negli Stati Uniti – terzo e ultimo aspetto – la razza continua a costituire un fattore determinante nel definire lealtà partitiche e scelte elettorali. Ce lo mostrano bene i dati dell’ultimo ciclo elettorale, quando Trump vinse con più di venti punti di scarto tra l’elettorato bianco (il 70% di quello complessivo). La frattura razziale – quella “linea del colore” che da sempre segna e condiziona la storia americana – è tornata a farsi forte e profonda negli anni in cui Barack Obama è stato presidente. Anni, questi, durante i quali un pezzo minoritario ma affatto marginale del paese dimostrò di non voler accettare l’idea che un nero potesse risiedere alla Casa Bianca, furono lanciate campagne indecenti (anche da Trump stesso) atte a dimostrare che Obama non fosse nato negli Usa e per opportunismo, viltà e debolezza il partito repubblicano fece un patto col diavolo con un razzismo che avrebbe infine facilitato l’ascesa e il successo di un presidente incontrollabile, e impresentabile, come Donald Trump.

Il Mattino, 14 gennaio 2018

Share on Facebook48Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on Tumblr0Email this to someonePrint this page

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *