Mario Del Pero

TRUMP vs. THE NEW LEFT

Forse è presto. O forse no, che la fissità di queste rilevazioni è uno dei dati più significativi dell’anno e mezzo di Presidenza Trump. Trascorsa una settimana dai casi Manafort e Cohen, il tasso di approvazione nei confronti di Trump non sembra essersi spostato di una virgola (qui la media delle rilevazioni al 28 agosto di FiveThirtyEight: https://projects.fivethirtyeight.com/trump-approval-ratings/); secondo alcuni sondaggi, sarebbe addirittura aumentato (http://thehill.com/…/403477-trump-approval-rating-holds-ste…). Nel mentre, le primarie di ieri sembrano confermare una volta di più come il partito repubblicano sia ormai il partito di Donald Trump. Il suo candidato Ron DeSantis vince in Florida; in Arizona – uno stato dove i due senatori GOP, Flake e McCain, sono stati molto critici nei confronti del Presidente – una sua critica Martha McSally, deve “trumpizzarsi” per ottenere la nomination.
E però qualcosa si muove anche a sinistra e appare non poco interessante. In Florida, la nomination democratica va a un 39 afroamericano, Andrew Gillum, sostenuto da Sanders e da “Our Revolution”. Non un neofita però, o un fenomeno alla Ocasio Cortez, visto che è il sindaco della capitale dello stato, Tallahassee. E non il solo giovane che emerge attraverso un’importante – e inevitabilmente complessa e formativa – esperienza amministrativa (particolarmente interessante è ad esempio la storia del sindaco di South Bend, città dell’Indiana che, come tanto midwest postindustriale, ha passato davvero tempi bui, il 36enne Pete Buttigieg, cui rollingstone ha dedicato recentemente un bel profilo: https://www.rollingstone.com/…/pete_buttigieg-36-year-old-…/). E senza forzare troppo le comparazioni, è forse quello che anche in Italia si dovrebbe fare: ripartire dal basso; formare un nuovo, serio e credibile ceto politico (come la Lega è in fondo riuscita a fare in fondo in questi anni) per via dell’esperienza amministrativa e non attraverso i meccanismi cooptativi o le invenzioni mediatiche che troppo spesso abbiamo spesso visto all’opera (Buttigieg, tanto per intenderci, è sindaco da quasi sette anni)

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.