Mario Del Pero

Archivio mensile: novembre 2018

Trump e l’Arabia Saudita

È difficile, davvero molto difficile non provare profondo imbarazzo nel leggere la dichiarazione con la quale Donald Trump ha riaffermato il suo pieno sostegno all’Arabia Saudita e al principe Mohammed bin Salman. Trump – che evidentemente non ha voluto l’intervento dei suoi speechwriters – scrive in una forma che il giornalista dell’Atlantic Graeme Wood non esita a definire “mortificantemente semi-illetterata”: ripetizioni, frasi sconclusionate, punti esclamativi come se piovesse (“America First!”, “Il mondo è un luogo pericoloso!”, “vogliamo eliminare il terrorismo!”). Il tutto per ribadire la centralità strategica dell’alleato saudita e l’intenzione di non attivare misure punitive nei suoi confronti per l’omicidio del giornalista Jamal Khashoggi avvenuto nel consolato saudita d’Istanbul. “È certo possibile” che Mohammed bin Salman “fosse a conoscenza di questo tragico evento; forse ne era a conoscenza – o forse no!” afferma Trump in un passaggio del documento che sarebbe comico se non si parlasse di un terribile omicidio.

Superato lo sconcerto per la forma grottesca di questo documento presidenziale, rimane da spiegare cosa muova il Presidente e quali saranno le possibili conseguenze della vicenda Khashoggi sui rapporti tra Stati Uniti e Arabia Saudita. Una relazione centrale e speciale per Washington, che Trump ha fatto di tutto per rilanciare dopo le difficoltà degli anni di Obama, quando la Casa Bianca – pur continuando a trasferire high-tech militare a Riad – cercò di modificare la tradizionale politica di alleanze degli Usa in Medio Oriente. Per l’attuale amministrazione, un mix di vecchi e nuovi fattori fanno dell’Arabia Saudita un alleato strategicamente vitale. In primo luogo vi è, ovviamente, il petrolio. Riad non ha più la centralità del passato come attore capace di moderarne il prezzo e garantirne gli approvvigionamenti e la dipendenza statunitense dal petrolio mediorientale si è negli anni di molto attenuata (le importazioni dall’Arabia Saudita sono più che dimezzate tra il 2005 e il 2017). Ma Riad rimane soggetto fondamentale nel limitare oscillazioni eccessive, e potenzialmente destabilizzanti, di costi e flussi di quella che rimane la fonte energetica primaria dell’economia globale. Il secondo fattore è rappresentato dal baratto tra la sicurezza fornita dagli Usa – in forma di protezione e di trasferimento di tecnologia bellica – e le risorse offerte in cambio dall’Arabia Saudita: non solo petrolio, ma anche investimenti, prestiti e importazioni. Le cifre che Trump offre spesso a casaccio – nel summenzionato documento parla addirittura di “450 miliardi di dollari” che l’Arabia Saudita avrebbe “concordato di spendere e investire” negli Stati Uniti – non hanno alcun ancoraggio nella realtà. Da più di 40 anni, Riad trasferisce però negli Usa una quantità ingente di petrodollari e contribuisce a puntellare il debito statunitense. Terzo e ultimo: la lotta al terrorismo e il quadro geopolitico del Medio Oriente. Su questo la discontinuità tra Obama e Trump è particolarmente acuta. Per il secondo, l’Arabia Saudita è partner vitale di una strategia chiaramente, e primariamente, anti-iraniana. L’ostilità a Teheran costituisce infatti la variabile principale e in larga misura indipendente della politica mediorientale di questa amministrazione. Un’ostilità peraltro ampiamente condivisa all’interno del partito repubblicano. Dentro il quale si sono levate voci critiche, che chiedono misure punitive nei confronti dell’Arabia Saudita e di Mohammed bin Salman. Voci che rientreranno però rapidamente nei ranghi, silenziate non tanto dalla improbabile prosa di questo Presidente quanto da visioni strategiche comuni a gran parte della destra americana.

Il Giornale di Brescia

Sette numeri sul Midterm

Sono molte le storie individuali di queste elezioni di mid-term che meriterebbero di essere raccontate (e che sono ovviamente raccontate: http://time.com/collection/firsts/4898550/ilhan-omar-firsts/). Sette dati tra i tanti ci raccontano però nella loro crudezza che America (e che Americhe) hanno rivelato queste urne:

a) I maschi bianchi sono ca. il 31/32% della popolazione statunitense, ma il 90% della delegazione repubblicana alla Camera e l’85% di quella al Senato (fig.1, la famosa foto dei nuovi eletti che mostra lo straordinario contrasto tra i due partiti). I deputati maschi bianchi del partito democratico sono invece il 38% (erano il 41% nella precedente legislatura)

b) Il numero di donne elette alla Camera è di 102, il più alto di sempre (erano 85 nella precedente legislatura). Di queste solo 13 sono repubblicane

c) Il tasso di partecipazione elettorale ha sfiorato il 50% (con una crescita di circa il 40% rispetto al 2014). Il più alto tasso di partecipazione elettorale dal 1966 (e secondi altri dati addirittura dal 1914). Fig.2 per alcuni esempi

d) Con 5 seggi ancora non assegnati, i democratici hanno sottratto ai repubblicani 37 seggi. La loro vittoria più larga dal 1974 a oggi.

e) Alla Camera i democratici hanno ottenuto 55/56 milioni di voti. Dieci milioni di voti in più rispetto a quelli ottenuti dai repubblicani nel loro grande successo del mid-term 2010

f) Secondo gli exit poll (dati quindi da prendere quindi con le molle), gli elettori under-30 avrebbero votato 67 a 32 democratico; quelli over-45, 50 a 49 repubblicano (fig.3)

g) Anche se vi è un calo rispetto al 2016, i 21 punti di vantaggio repubblicano tra i maschi bianchi (che diventano 34 tra quelli senza laurea) costituiscono un dato impressionante, anche perché parliamo comunque di un terzo dell’elettorato.

Image may contain: 71 people, people smiling
Image may contain: text
No automatic alt text available.

 

MIDTERM

I DEMOCRATICI ALLA PROVA DEL MIDTERM

I sondaggisti una piccola rivincita se la sono presa, dopo la débâcle del 2016. Non mancano ovviamente alcune sorprese – i democratici che tornano a governare il Kansas; i repubblicani che conquistano con maggioranze ampie e inattese i seggi senatoriali in Missouri e Indiana – ma in termini generali l’esito del voto è in larga misura quello predetto: Senato ai repubblicani e Camera ai democratici, che riconquistano anche molti governatorati, sottraendone addirittura 7 ai repubblicani, oltre a numerose assemblee legislative statali. Partiamo da quest’ultimo punto, per provare a riflettere su cosa ci dica questo voto dello stato del partito democratico. Che, uscito letteralmente a pezzi dall’elezione di Trump, si è in parte ripreso, senza però conseguire un successo larghissimo o inequivoco. È, appunto, su scala locale che i democratici hanno ottenuto alcuni risultati particolarmente rilevanti. Certo, vi è molta delusione per le sconfitte di candidati progressisti (e neri) in Florida e Georgia, ma le vittorie sono numerose e significative anche perché avvengono spesso in quelle aree del Midwest post-industriale – Pennsylvania, Michigan e Wisconsin – dove Trump costruì il suo trionfo nel 2016. In termini generali la svolta non è da poco: i repubblicani passano da una superiorità (schiacciante) di 33 governatori a 16 a una di 26/27 governatori a 22/23. Perdono inoltre spesso il controllo assoluto – Governatore e Congresso – che avevano in più di una metà degli Stati: dato questo particolarmente importante, all’avvicinarsi del censimento del 2020 cui seguirà poi il ridisegno dei collegi della Camera del quale sono in larga maggioranza responsabili i Congressi statali. A ciò si aggiungono i numerosi successi democratici nelle elezioni municipali, che si sono tenute ieri e nell’ultimo anno (nelle trenta principali città statunitense sono appena 5 i sindaci repubblicani), a testimonianza che proprio a livello locale è emersa una incisiva risposta, politica e di governo, a Trump. Questo si somma al successo di una mobilitazione nazionale contro il Presidente particolarmente visibile nei risultati per il voto alla Camera. Dove i democratici portano un numero senza precedenti di donne (nel biennio prossimo le deputate dovrebbero essere 98, di cui ben 84 democratiche). Infine, il voto giovane – che in passato è spesso oscillato tra i due partiti – dimostra oggi di essere massicciamente democratico, mentre trasformazioni politiche e demografiche confermano il profondo mutamento in atto in alcune regioni: in Texas, ad esempio, è mancato davvero poco che uno degli astri nascenti del partito, il deputato Beto O’Rourke, sconfiggesse un peso massimo come il senatore Ted Cruz (che aveva vinto di 16 punti nel 2012 e appena di 2.5 ieri).

A uno sguardo più attento, questi dati rivelano però il loro doppio volto e mostrano alcune debolezze e fragilità dei democratici. Che non fosse immaginabile una loro riconquista del Senato era noto da tempo. Che i candidati repubblicani – con una retorica e una proposta pienamente trumpiane anche nella loro radicalità – vincessero tanto largamente in Indiana, in Missouri e in altri Stati sorprende e dice molto. Ci mostra, innanzitutto, come la mobilitazione democratica fatichi a estendersi dalle aree metropolitane a un mondo rurale dove il messaggio di Trump rimane straordinariamente popolare. Mondo, questo, che per come funziona il voto negli Usa è sovra-rappresentato, e quindi elettoralmente più pesante, nel voto sia per il Senato sia per la Presidenza. A fronte di un partito repubblicano assai coeso ed omogeneo nella sua piena trumpizzazione – un partito cioè primariamente bianco, maschile e non-giovane – i democratici contrappongono una realtà assai più composita ed eterogenea. Che può rappresentare una ricchezza, ci mancherebbe. Ma che tende a produrre un partito più frammentato (in primis lungo il cleavage liberal vs. sinistra), litigioso e indisciplinato. Lo si è visto nelle primarie; lo si sta già vedendo nella divisione sulla possibile conferma della leadership di Nancy Pelosi alla Camera; lo si vedrà, presumibilmente, nelle diverse posizioni su come sfruttare la ritrovata maggioranza alla Camera, con una parte incline a chiedere di dispiegare in modo aggressivo contro il Presidente i poteri d’investigazione di cui dispongono molte commissioni e un’altra più cauta, consapevole che da un’escalation dello scontro e della polarizzazione Trump rischia solo di beneficiare. Infine, questa tornata elettorale non ha operato da investitura di un vero leader nazionale, capace appunto di unire il partito e sfidare il Presidente. Potevano esserlo O’Rourke o il candidato a governatore della Florida Andrew Gillum, se avessero vinto. Così non è stato e a dispetto di tutto in prospettiva 2020 i democratici debbono ancora affidarsi a esponenti della vecchia guardia, a partire dall’ex vice-Presidente Joe Biden

Il Mattino, 8 novembre 2018

COSA DICE QUESTO VOTO DI MIDTERM

Vincono (e di riflesso perdono) un po’ tutti in questo voto di mid-term. Vince Trump laddove i repubblicani consolidano la loro maggioranza al Senato, istituzione cruciale per il progetto trumpiano – finora realizzato con efficacia – di modificare in profondità le corti, nominando giudici conservatori. Vincono i democratici, che ottengono una chiara maggioranza alla Camera dei Rappresentanti e proseguono l’opera di modifica degli equilibri politici nel paese, sottraendo numerose assemblee legislative statali e ben 7 governatorati ai repubblicani (che passano così da una situazione di 33 governatori a 16 a una di 26/27 a 22/23). Vince la destra più estrema in taluni collegi, ma vincono anche forze fresche e nuove tra i democratici, che portano un numero senza precedenti di donne al Congresso (alla Camera dovrebbero essere 98, 84 delle quali democratiche).

Cosa ci dice questo voto e cosa lascia presagire per il biennio che seguirà? Due considerazioni sono possibili. In primo luogo, il mid-term 2018 evidenzia quanto profonda, e verrebbe voglia dire strutturale, sia la frattura politica esistente oggi negli Usa. La mobilità elettorale si è grandemente ridotta. E con essa si sono ancor più irrigiditi due campi, il cui perimetro è definito da una serie di fattori facilmente identificabili: l’anagrafe (i giovani votano in larga maggioranza democratico; gli over 50, soprattutto se bianchi, repubblicano); la geografia e la densità abitativa (le aree metropolitane sono roccaforti democratiche; quelle rurali saldamente repubblicane); la razza (il partito repubblicano è maggioritariamente bianco; le minoranze, a partire da quella afro-americana, costituiscono la spina dorsale dei democratici); il genere (il voto femminile va in larga maggioranza ai democratici, quello maschile ai repubblicani). Le linee di frattura sono plurime; l’esito è di acuire la contrapposizione politica e la polarizzazione elettorale. Il voto, secondo aspetto, ci mostra però anche come questa condizione offra una sorta di habitat ideale a Donald Trump: un Presidente che la Casa Bianca non ha in alcun modo moderato e le cui posizioni spesso estreme sono oggi egemoni e incontestate tra i repubblicani (oltre che in larga misura sdoganate nel discorso pubblico). Trump non esce affatto indebolito da questo voto, in altre parole. La quasi totalità degli eletti repubblicani ha offerto un messaggio pienamente trumpiano, nei contenuti e nella retorica. Nell’estremo bipolarismo odierno, un polo è a tutti gli effetti quello di Donald Trump.

Cosa attendersi allora? Nancy Pelosi, che quasi certamente tornerà a essere Presidente della Camera, ha teso la mano e promesso disponibilità alla collaborazione bipartisan. Difficile, anzi impossibile, che ciò avvenga. Da questo governo diviso, e da questo contesto polarizzato, è probabile attendersi una prosecuzione dello scontro e un contestuale stallo legislativo. I democratici sfrutteranno i poteri d’investigazione di cui dispongono molte commissioni della Camera per aprire inchieste sui tanti lati opachi del Presidente, dei suoi affari e della sua campagna del 2016. Trump continuerà a usare con spregiudicatezza la leva esecutiva, anche per compensare la quasi impossibilità di legiferare. Su scala locale, stati e municipalità democratici proseguiranno nella loro azione di contrasto alle iniziative del Presidente. Uno scontro politico senza quartiere, insomma, nel contesto di una campagna, quella per le Presidenziali del 2020, che si è di fatto aperta nel momento in cui si chiudevano le urne di questo voto di mid-term.

Il Giornale di Brescia, 8 novembre 2018

Voto

È il primo grande test elettorale dell’era Trump, il voto di mid-term di oggi. Gli americani sono chiamati a votare per il rinnovo di poco più di un terzo del senato (35 senatori su 100), l’intera Camera dei Rappresentanti, numerosi governatori e assemblee legislative statali. I sondaggi – da prendere ovviamente con cautela – indicano che l’esito più probabile sia un governo diviso, con i democratici capaci di riconquistare la Camera e i Repubblicani ancora in controllo del Senato. Il successo democratico dovrebbe estendersi anche su scala locale, alterando uno stato di cose che vede i repubblicani ancora dominanti (hanno oggi 33 governatorati contro i 16 dei democratici), ma spesso in difficoltà come si è visto in varie elezioni suppletive recenti. Un voto – quello negli stati – la cui importanza non va sottostimata, anche perché è lì, oltre che nelle grandi aree metropolitane, che è emersa in questi due anni l’opposizione più efficace alle politiche di Trump, dall’ambiente all’immigrazione.

In attesa di scoprire se le previsioni saranno confermate, due sembrano essere le principali indicazioni che questo voto offre. La prima è la piena nazionalizzazione – e in una certa misura “trumpizzazione” – della campagna elettorale. Divenuta ben presto un referendum sul Presidente e sul suo operato. Ovvero declinata in chiave di sostegno fideistico o di opposizione senza quartiere a Trump. Pesa qui l’azione e ancor più il lessico – violento e grossolano – di un Presidente che ostruisce qualsiasi mediazione, infiamma invariabilmente lo scontro e nutre una contrapposizione sempre più accesa. Incide la trasformazione del partito repubblicano ostaggio, anche nelle sue frange più moderate, del Presidente e di una base che è in larghissima maggioranza al suo fianco, pronta a punire, già nelle primarie, qualsiasi defezione. Ma opera anche l’incapacità democratica di sottrarsi a questa morsa micidiale: di evitare una costante rincorsa polemica con un Presidente radicale ed estremo come mai nella storia del paese, che riesce però continuamente a dettare temi e tempi della discussione.

Con un partito e un elettorato repubblicani ormai pienamente trumpiani, si accentua un dato caratterizzante la democrazia statunitense: una polarizzazione in due campi sempre più impermeabili, con un evidente effetto nocivo sulla governabilità del paese. È questa la seconda indicazione che emerge dal voto. Trump è per tanti aspetti il portato di questa polarizzazione: della radicalizzazione che essa genera e del contestuale imbarbarimento del confronto politico. Ma è anche agente altamente tossico, che dal pulpito presidenziale irrora la società statunitense con la sua retorica volgare, spregiudicata e talora esplicitamente razzista. Qualsiasi sia l’esito del voto, è difficile se non impossibile credere vi possa essere una ricomposizione a breve della frattura. Una Camera controllata dai democratici, oltre a paralizzare il processo legislativo, si trasformerà inevitabilmente in una sorta di tribunale dal quale i democratici, facendo leva sui poteri congressuali d’inchiesta (a partire da quelli della Commissione Intelligence), lanceranno le loro indagini su Trump, i suoi affari torbidi, i suoi mille conflitti d’interesse e, soprattutto, le ingerenze russe nella campagna del 2016. Una vittoria di Trump legittimerà molte delle degenerazioni in atto, lasciando campo aperto a un Presidente il cui deficit di cultura e sensibilità democratiche si manifesta ormai quotidianamente in forma quasi caricaturale.

Il Giornale di Brescia, 6 novembre 2018

POLITICA E GUERRA

I media danno oggi ampio risalto alla notizia della tragica morte in Afghanistan del maggiore Brent Taylor (https://www.nytimes.com/…/afghanistan-us-soldier-killed.html). Taylor era sindaco della cittadina di North Ogden, una sessantina di chilometri a nord di Salt Lake City, nello Utah. Riservista, aveva preso un congedo per andare in Afghanistan con la guardia nazionale dello stato. Di casi simili ve ne sono molti, il più noto – di cui si è già parlato qui (https://mariodelpero.italianieuropei.it/…/south-bend-india…/) è il famoso sindaco di South Bend Pete Buttigieg. Nel mentre, alle elezioni di mid-term di martedì prossimo partecipa un numero record di veterani e veterane, soprattutto delle ultime guerre in Iraq e Afghanistan: più di 170 secondo alcune stime, in maggioranza – circa 110 a 60 – repubblicani, anche se tutte le donne con l’eccezione di una corrono per i democratici (https://www.militarytimes.com/…/here-are-the-172-veterans-…/; cifre in parte diverse sono invece fornite dahttps://www.axios.com/2018-midterms-military-veterans-runni…). A questo intreccio tra politica e forze armate concorrono molteplici fattori: la tradizione, mai venuta meno, di un ethos repubblicano che si sublima nella figura del cittadino-soldato, del servitore pubblico sempre pronto al sacrifico estremo; il discredito della politica e di tante altre istituzioni e la contestuale popolarità delle forze armate, oggi riverite come nessun altro nel paese (fig.1 per i dati Gallup); il tragico fallimento delle guerre americane del XXI secolo, che come in passato ha – e in parte comprensibilmente – alimentato l’idea che la responsabilità sia stata primariamente di una politica opportunistica, incompetente e auto-referenziale, che la guerra non la conosce e la utilizza con incoscienza e spregiudicatezza. Ma vi è anche il paradosso – che lo storico Andrew Bacevich ha illustrato magistralmente soprattutto in “The New American Militarism” (https://global.oup.com/…/the-new-american-militarism-978019…&) – di un paese e di un ceto politico sedotti dalla guerra e dalla possibilità di dispiegare l’impareggiabile superiorità di potenza militare di cui gli Usa dispongono, ma che da quella guerra – dalle sue pratiche, dai suoi effetti, dalla sua conduzione – sono sempre più distanti e separati. Bacevich è studioso conservatore, colonnello e veterano del Vietnam che – dopo aver letteralmente scoperto alcuni classici della storiografia progressista e revisionista, Charles Beard e l’amato William Appleman Williams su tutti – ha denunciato, talora in modo un bel po’ binario va detto, tutte le guerre statunitensi del dopo guerra fredda, liberal e conservatrici, democratiche e repubblicane. Che ha rubricato come parte di un’inarrestabile militarizzazione della politica statunitense, del lessico che la informa e della simbologia che l’accompagna. Di un paese, insomma, infatuato della guerra perché la guerra non la conosce; che celebra i suoi soldati (tra i quali numerosi immigrati che attraverso il servizio militare ottengono una via più rapida alla cittadinanza), ma li sottopaga (fig.2) e non garantisce loro adeguate cure mediche, come i numerosi scandali di questi anni hanno una volta ancora rivelato; che la guerra la osserva da lontano, facendo inizialmente il tifo come fosse allo stadio o dimenticandola rapidamente. Per Bacevich una soluzione sarebbe il ritorno alla leva obbligatoria e universale: utile perché la figura del cittadino-soldato torni a essere una realtà, perché renderebbe tutti gli americani più consapevoli delle conseguenze della guerra e meno inclini a intraprenderla con leggerezza e, infine, perché contrasterebbe la degenerazione di una repubblica sempre più iniqua del distribuire responsabilità, oneri e sacrifici. Il primo figlio di Bacevich, Andrew Jr., ha seguito alla lettera la lezione del padre; volontario, è stato ucciso in Iraq nel 2007.

No automatic alt text available.
No automatic alt text available.