Mario Del Pero

– 5

Difficile
credere che il lungo, splendido spot-documentario di Obama mandato ieri in
simultanea sui principali networks statunitensi possa spostare un voto. Era
programmato da tempo e serviva, una volta ancora, a rendere Obama presidente
credibile e sintesi perfetta della nazione che si candida a guidare. Le tante
Americhe – orgogliose, dignitose, tenaci e, anche, commoventi – che appaiono
nello spot vengono efficacemente abbinate ai passaggi e alle esperienze che hanno
segnato la vita di Obama, la sua formazione e la sua ascesa politica: la
dignità del lavoro, anche il più umile; l’importanza dell’educazione; i valori
della famiglia; la denuncia dell’inefficace e iniquo sistema sanitario.

Alcuni
commentatori della sinistra statunitense (come John Nichols di The Nation)
dicono che Obama ha fatto un passo indietro; che si è tolto, almeno in parte, dai
riflettori per raccontare e far parlare l’America e gli americani. Non è
ovviamente così – nello spot/documentario Obama non è un semplice narratore – e non potrebbe essere altrimenti, a 5 giorni delle elezioni. Quel che Obama e il regista dello
spot (Davis Guggenheim, lo stesso del documentario di Al Gore “An Inconvenient
Truth”) hanno fatto è di dare forma al messaggio – patriottico ed
eccezionalista, ancorché non convenzionale – che ha scandito la campagna elettorale:
che Obama è il presidente naturale del paese, perché lui e la sua storia sono
quel paese, ciò che esso è diventato e ciò che esso ancora oggi è in grado di
offrire e trasmettere. Retorica forte, ci mancherebbe; ma anche coinvolgente,
toccante e, speriamo, elettoralmente vincente.

-6

Spero di sbagliarmi, ma non credo che la vittoria di Obama
sarà così larga come preannunciato da molti sondaggi. Temo ci sarà da soffrire
e aspettare martedì notte, ché il vantaggio di Obama nei polls di alcuni stati
cruciali è troppo esiguo e già durante le primarie vi fu una discrepanza –
variamente interpretata – tra sondaggi e voti a sfavore di Obama, in
particolare nel Midwest (Ohio, Pennsylvania e West Virginia su tutti). Che poi
ci siamo tutti abituati all’idea che un afro-americano possa giungere alla Casa
Bianca dà un’idea di quanto sia cambiata l’America e di quanto abbia
contribuito la corsa di Obama a cambiarla.

Il Terzo Dibattito

Non vi sono state grandi sorprese nell’ultimo dei tre faccia a faccia televisivi
tra Obama e McCain. Il dibattito è stato sobrio e corretto, tanto apprezzabile
per il rigore con cui i due candidati si sono confrontati sui contenuti delle
loro proposte quanto soporifero nell’assenza di colpi di scena o di momenti (e
frasi) memorabili. In conseguenza di ciò, vi sono almeno due buone ragioni –
oltre ai dati dei primi polls – per ritenere che il vincitore del confronto sia
stato nuovamente Obama.
La
prima ha a che fare con la natura stessa di questi dibattiti. Raramente essi
risultano decisivi. I candidati vi giungono preparatissimi. Sanno cosa
aspettarsi dalla controparte: cosa dire e, ancor più, cosa non dire.
Soprattutto devono cercare di apparire credibilmente presidenziali: di proiettare
un’aura – austera, moderata e quasi regale – di “presidenzialità”. Ciò
avvantaggia inevitabilmente chi sta avanti nei sondaggi. Che – come mostrano
alcuni dati recenti su Obama – è automaticamente percepito come più
presidenziale dell’avversario, grazie a un effetto domino che, una volta
innescatosi, diventa difficilmente reversibile. Il candidato in vantaggio può quindi
permettersi quella cautela e quella moderazione che cessano invece di essere
opzioni a disposizione di chi insegue, il quale si trova inevitabilmente costretto
ad alzare il tono della polemica e degli attacchi, con il rischio di una
perdita ulteriore di credibilità.
La
seconda ragione è più contingente e si lega all’attuale quadro politico oltre
che alla figura stessa di McCain. L’impopolarità di Bush e la difficile
situazione economica hanno accentuato una tendenza già in atto dal 2004, ossia
uno spostamento degli equilibri politici a favore del partito democratico. Il
numero di elettori registrati come democratici è oggi decisamente
superiore  a quello di elettori
registrati come repubblicani (lo scarto sarebbe tra i dieci e quindici punti,
secondo alcune rilevazioni). Il voto indipendente – per quanto complesso ed
eterogeneo – rimane potenzialmente determinante, soprattutto in alcuni stati
che decideranno le elezioni. McCain, infine, è un candidato repubblicano sui
generis, a dispetto dei suoi numerosi indietreggiamenti degli ultimi anni. Il dilemma
con cui McCain si è trovato (e si trova) a fare i conti è quindi quello di mobilitare
appieno il proprio elettorato, radicalizzando ulteriormente le sue posizioni, e
sperare al contempo di intercettare una parte maggioritaria del voto
indipendente e una piccola fetta di quello democratico, conquistabili solo
attraverso parole d’ordine bipartisan e moderate. La scelta di Sarah Palin come
candidato vice-presidente aveva esattamente questa funzione: bilanciare il
ticket, coprendo il fianco destro di McCain, e permettergli così di
concentrarsi sulla caccia del voto indipendente. Si tratta però di obiettivi –
la piena mobilitazione della destra e la conquista di una larga maggioranza
degli indipendenti – tra loro non complementari. Stando ai sondaggi di cui
disponiamo, l’inasprimento della campagna elettorale repubblicana di queste
ultime settimane si è rivelata un boomerang per i repubblicani, anche perché
l’elettorato non schierato chiede risposte a problemi concreti e non crociate
ideologiche come quelle lanciate da Palin. Questo lo si è visto anche nel
dibattito di ieri. McCain ha cercato di attaccare Obama sull’aborto o sul suo
legame con l’ex terrorista William Ayers, ma ha rinunciato ad eccedere su
questi temi nella consapevolezza che essi non gli avrebbero giovato
elettoralmente. Una scelta e una cautela, quelle di McCain, che hanno
scontentato molti commentatori conservatori (l’intellettuale neoconservatore
Charles Krauthammer è stato particolarmente severo su questo), ma che
difficilmente gli ha portato voti democratici e/o indipendenti. Obama esce pertanto
non solo illeso, ma addirittura rafforzato dai tre dibattiti televisivi. E alla
luce di quanto è accaduto nelle ultime settimane la vera sorpresa è che il suo
vantaggio nei sondaggi non sia ancora maggiore.

(Il Mattino, 17 ottobre 2008)

The Ugliest Campaign

Di campagne brutte da parte dei repubblicani ne abbiamo viste, basti pensare a quella di Bush padre nel 1988 o a quella di Rove e Bush figlio nel 2004. Ogni volta qualche bella anima s’indigna e la definisce “the ugliest campaign in American history”, soprattutto se quei metodi, come appunto nel 1988 o nel 2004 si sono rivelati vincenti. Sono giusti quindi gli inviti ad aspettare prima di definire questa come “the ugliest campaign”. E però possiamo dire che osservare la deriva della campagna di McCain e, soprattutto, Palin (video uno, due e tre) fa venire almeno un po’ il voltastomaco?

Il secondo dibattito

Obama
non è mai stato un grande debater. Manca dei tempi e, forse, anche della
cattiveria necessaria negli aspri scambi della discussione. Tanto è abile nell’offrire
sermoni dotti e straordinariamente raffinati per gli standard del discorso
politico statunitense quanto è lento e, spesso, impacciato nell’articolare
risposte secche e pungenti nei dibattiti dai tempi assai stretti della
televisione. Il modello townhall della discussione di ieri sera, invocato e
chiesto da McCain, avrebbe dovuto amplificare questa debolezza. Non è stato invece
così e quella di ieri è stata probabilmente la migliore performance televisiva
di Obama. Lo è stata nel merito ossia nella precisione e nel dettaglio delle
risposte di Obama, particolarmente stridente se confrontata con la pleonastica
e sloganistica retorica di McCain. E lo è stato nella simbologia. Il dibattito ha
visto contrapposti un Obama sicuro, giovane e decisamente a suo agio nella
piccola, ancorché asettica, townhall della Belmont University e un McCain
decisamente più impacciato e rigido, costretto a confrontarsi con una townhall
popolata non dai suoi soliti fan repubblicani, sempre pronti a commuoversi ed
entusiasmarsi per la sua storia di eroe del Vietnam. I sondaggi sembrano
premiare Obama. Contano però poco, ché negli stati cruciali il margine di
vantaggio di Obama su McCain è ancora troppo stretto (su questo ritornerò in un
prossimi post). Per potere vincere, McCain e Palin devono però riuscire in
un duplice, e potenzialmente contraddittorio, compito: mobilitare appieno la
base repubblicana, conquistando al contempo una maggioranza del voto
indipendente e una piccola fetta di quello democratico. Queste ultime settimane
saranno pertanto caratterizzate da un’ulteriore escalation degli attacchi
personali a Obama, al suo passato e alle sue conoscenze. Il lavoro sporco lo
farà (e lo sta già facendo) Sarah Palin, mentre McCain continuerà a
sottolineare la sua moderazione e il suo impegno alla collaborazione bipartisan,
come ha stancamente sottolineato più volte ieri. Dopo le due convention, i tre
dibattiti televisivi e gli sconquassi di questa ultima settimana i democratici
si trovano però in una posizione decisamente migliore di quanto non fosse solo
poche settimane orsono.

Michigan

Forse ci stiamo davvero trovando a un momento di svolta nella
campagna elettorale. La Palin sarà pure sopravvissuta al dibattito con Biden, dopo aver
imparato a memoria (e diligentemente recitato) almeno 50/60 risposte a possibili domande
e beneficiato della scelta democratica di non correre rischio alcuno. Una
scelta, però, che deriva dalla consapevolezza che il vantaggio di Obama-Biden si
sta consolidando e che non è il caso di correre di rischi. È di ieri, infatti,
la notizia che McCain ha deciso di chiudere la campagna in Michigan, dove aveva
investito molto e dove ormai ritiene di non avere più chance di vittoria. Un
pezzo di Midwest e 17 grandi elettori se ne vanno così a Obama. E questa, ben
più della Palin che per una volta non fa gaffe, è la vera notizia della
giornata

Antipolitica

Non sono certo che il voto della Camera dei rappresentanti
rappresenti davvero la fine del conservatorismo statunitense per come lo
abbiamo conosciuto nell’ultimo trentennio (come afferma, tra gli altri, Paul
Waldman sull’American Prospect
o come argomenta ormai da tempo lo storico Sean
Wilentz). La grande coalizione reaganiana – complessa, multiforme e incoerente –
è da tempo lacerata da pressioni centrifughe che il radicalismo di Bush ha
contribuito ad esasperare. E la ribellione dei repubblicani libertarian e dei
populisti conservatori cui abbiamo assistito due giorni fa ne rappresenta la
riprova. In nome del libero mercato e dell’antipolitica (oltre che di ovvi
opportunismi elettorali), una maggioranza di deputati conservatori si è
ribellata a otto anni di finto libero mercato (fatto, oltre che di scellerati
tagli fiscali, di sussidi all’agricoltura e all’industria, di protezionismo e di crescente
indebitamento), di finto governo minimo (estensione delle regulations,
intrusiva presenza federale in nome dell’emergenza sicurezza, nomine giudiziarie
politicamente orientate) e, infine, di finta antipolitica (scandali a
ripetizione, lobbies sempre più influenti, clientelismi e conseguente incompetenza
– ricordate New Orleans?). Ma il vento dell’antipolitica soffia anche per i
democratici: cosa che molti commentatori, impegnati a discutere e celebrare l’implosione
dei repubblicani, sembrano avere dimenticato. Salvare Wall Street dimenticando
Main Street è denuncia che i democratici hanno finora fatto propria con
evidente successo, ma che può essere declinata (e che viene declinata) anche in
una prospettiva conservatrice, come il voto alla Camera ha mostrato bene. Obama
su questo dovrà muoversi con cautela e attenzione, per gestire una situazione
che ovviamente lo avvantaggia ma che presenta, anche, molti rischi su tutti quello
di essere individuato dagli elettori come uno dei salvatori di Wall Street a
danno di quella Main Street che lavora, fatica e che ora rischia anche di
perdere la casa. Non è un caso che il rimbalzo di Obama nei sondaggi non
abbia avuto ricadute in Ohio, dove permane una situazione di sostanziale
pareggio. Senza l’Ohio si può ancora vincere e anche larghi; ma il dato rimane
significativo e rilevante.

Punto a capo

È stato un dibattito civile, serio e abbastanza noioso. I primi sondaggi sembrano premiare Obama, soprattutto tra gli elettori non ancora schierati, che saranno decisivi in novembre. Sono però sondaggi che lasciano il tempo che trovano e che non è il caso di prendere troppo sul serio. A meno che i candidati non compiano delle gaffe clamorose (come Ford nel 1976) questi dibattiti raramente risultano decisivi; al massimo accelerano tendenze e processi già in atto. I sostenitori di McCain ritengono quindi che McCain abbia vinto il dibattito (si veda ad esempio Jonathan Last sul Weekly Standard). Altrettanto fanno i sostenitori di Obama. McCain si è risollevato dopo una settimana costellata di gaffe ed errori, culminati in un grossolano (oltre che visibile a una maggioranza degli elettori) tentativo di strumentalizzare la crisi finanziaria e la discussione sul bailout proposto da Paulson. Obama è stato talora messo sulla difensiva nella discussione sull’Iran e sulla sicurezza nazionale, ma non è mai apparso davvero in difficoltà sui temi che dovrebbero rappresentare il suo tallone d’Achille e il punto di forza di McCain. Alla fine ci ritroviamo dove eravamo non solo prima di questo dibattito, ma anche prima delle convention se non prima dell’estate: con Obama favorito di poco, per ragioni che abbiamo già ampiamente discusso in altri post.

 

PS: per i tanti fan di Sarah Palin si raccomanda questa ultima sua performance televisiva

Perché Obama rimane favorito

I sondaggi indicano un graduale recupero di Obama in questi
ultimi giorni. Significa poco, come significava poco il rimbalzo
post-convention di McCain. Potrebbero succedere molte cose nelle settimane a
venire, ma tutto lascia prevedere che si tratterrà di un testa a testa, magari
non stretto come nel 2000 e nel 2004, ma comunque un testa a testa. Dal quale
ha più probabilità di uscire vincitore Obama, che rimane a dispetto di tutto
favorito. Di poco, ma favorito. Questo per le seguenti ragioni:

a)     
l’economia e il terremoto di questi ultimi mesi.
McCain ha fatto del proprio meglio per articolare un messaggio populista. Ma
rimane inestricabilmente legato a Bush e al suo lascito.

b)     
La scelta dei candidati vice-presidenti.
Difficile credere che la Palin-mania possa durare ed estendersi. L’entourage
di McCain sta facendo di tutto per tenerla in naftalina, non farla parlare se
non con uno script sotto gli occhi, evitarle interviste difficili e spontanee. Ma
questo controllo non può essere spinto oltre un certo limite e la prima
intervista alla ABC si è rivelata a dir poco imbarazzante. Al contempo, i media
cominciano ad esaminare e scoprire il passato politico di Palin e il profilo che
ne è emerge è assai diverso da quello della riformatrice incorruttibile presentato inizialmente. Per finire, e questo è forse il dato più
importante, Palin mobilita la base repubblicana, copre McCain a destra e,
probabilmente, conquista il voto di qualche soccer (o hockey) mom. Ma rischia
davvero di alienare quella parte del voto indipendente che McCain deve
assolutamente conquistare se vuole vincere (ora come ora i registrati democratici sono
infatti molti di più di quelli repubblicani)

c)     
Obama ha una macchina organizzativa, e un numero
di volontari sul campo, decisamente superiore. Potrebbe rivelarsi decisiva
nella conquista del voto degli indecisi e potrebbe aiutare ad intercettare quel
voto giovane, spesso elettoralmente apatico, ma che sembra preferire il
candidato democratico e che potrebbe essere decisivo in questa tornata.

d)     
La mappa elettorale favorisce Obama. Due o tre
vittorie all’interno di un gruppo di stati conquistati da Bush nel 2004 – Colorado,
New Mexico, New Hamsphire, Virginia, Nevada, Iowa – potrebbero compensare una
sconfitta in uno degli stati della Rustbelt.

Di nuovo, tutto può accadere, ma ora come ora Obama rimane favorito, una
cosa che in queste ultime settimane molti sembrano avere dimenticato