Mario Del Pero

Game over, again

Clinton recupera circa 15 delegati grazie alla vittoria in
Pennsylvania. Questo le permette di ridurre a circa 150 delegati il distacco da
Obama. In altre parole avrebbe bisogno di altre 10 primarie in Pennsylvania per
colmare il gap. Ma gli stati dove si deve ancora votare sono solo nove, che
messi assieme fanno circa due volte la Pennsylvania in termini di delegati. Che
la partita fosse chiusa lo si sapeva ormai da tempo. Questo voto ha solo finito
per confermarlo. E anche i media che avevano sostenuto la Clinton, a partire
dal New York Times (vedi qui) ne stanno ora prendendo le distanze.

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on Tumblr0Email this to someonePrint this page

Pennsylvania

Mancano 3 giorni a un altro passaggio nodale di queste
infinite primarie democratiche. Un passaggio decisivo se in Pennsylvania Obama vince o perde di misura. La
gran parte dei sondaggi e delle previsioni danno però Hillary Clinton avanti con
margini che variano tra i 3 e i 14 punti (Rasmussen, tra i più affidabili
finora, dice tre punti; LA Times/Bloomberg cinque; Quinnipiac sei). Margini
insufficienti per riaprire una contesa che è, matematicamente, chiusa, ma bastanti
per trascinarla per altre settimane, in attesa della prossima tornata importante,
nella quale voteranno Indiana e North Carolina (il 6 maggio). A dispetto delle
recenti gaffe e leggerezze di Obama, il numero di superdelegati schierati al
suo fianco continua a crescere. Alcuni seniores del partito (Robert Reich e l’ex
senatore della Georgia Sam Nunn) hanno dato il loro endorsement a Obama,
denunciando la campagna, sempre più negativa e scorretta, della Clinton (si
veda ad esempio questo ad televisivo che circola in Pennsylvania). Molti esperti (Judis, Teixeira, Cost, VandenHei, et al.) sottolineano invece come Obama sia vulnerabile presso settori importanti
del partito democratico (blue-collar bianchi, ebrei, ispanici), che saranno
fondamentali in alcuni swing states di novembre, tra i quali Florida, Ohio,
Pennsylvania e New Mexico. La grande coalizione costruita da Obama, e centrata
sui giovani, gli afro-americani e una parte maggioritaria dell’elettorato con
istruzione universitaria –  affermano – non ha i numeri per vincere ed è assai
meno nuova di quanto non si dica: alcuni commentatori la presentano addirittura
come una replica del 1972. Vi è un elemento di verità in tutto ciò. Ma è una
verità parziale, che omette alcuni altri importanti elementi, su tutti la
dimostrata capacità di Obama di intercettare una parte rilevante del voto
indipendente, di aumentare la base potenziale del voto e di rimettere potenzialmente
in gioco alcuni stati del sud che i democratici hanno perso nettamente sia nel
2000 sia nel 2004 (e rendere competitivi nuovi stati obbliga comunque l’avversario
a destinarvi tempo, energie e risorse, sottratti così ad altri teatri). Come ho
scritto più volte, l’auspicio sarebbe che la contesa si chiudesse il prima
possibile con la vittoria di Obama. Ciò permetterebbe di concentrarsi
finalmente sulle presidenziali e di sfruttare le tante debolezze di McCain, che
giusto ieri, davanti a un’America sfiduciata e impaurita, ha dato un giudizio
positivo delle politiche economiche di Bush. E chiuderla con le primarie, permetterebbe,
tra le altre cose, di non dover più vedere Hillary Clinton trangugiare un
bicchiere di whisky, in uno show di supposta virilità che rimarrà tra i momenti più
imbarazzanti di questa campagna elettorale.

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on Tumblr0Email this to someonePrint this page

Bitter America Part II

Se qualcuno si chiede perché la Clinton, a dispetto di
programmi e preparazione, si è resa insopportabile a molti elettori democratici
consiglio di guardare qui.

Se qualcuno non si spiega ancora il fascino che i sermoni di
Obama riescono a esercitare si guardi qui.

Se qualcuno ancora s’interroga su quanto il prolungamento delle
primarie stia nocendo ai democratici, li guardi entrambi.

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on Tumblr0Email this to someonePrint this page

eccentricità e discontinuità

Che si tratti di elezioni storiche lo si dice ogni quattro
anni. Che le presidenziali del 2008 siano però elezioni assai peculiari lo
indicano diversi dati: per la prima volta dal 1952 uno dei candidati non è il
presidente o il vice-presidente in carica; in uno dei rarissimi casi nella
storia degli Usa, si fronteggeranno candidati senza un’esperienza governativa alle
spalle (se non come presidenti o vice-presidenti, almeno come governatori o
membri del gabinetto); tornerà ad essere eletto alla Presidenza un senatore in
carica (l’ultimo fu Kennedy nel 1960; l’ultimo presidente eletto a non
provenire dalla Sunbelt, peraltro). I dati dicono tanto e poco, a seconda dei
punti di vista. Ma anche questa coincidenza di eccentricità ci aiuta a
comprendere quali turbolenze abbiano attraversato (e stiano attraversando) gli
Usa e quanto forte sia l’auspicio che le elezioni offrano un segnale forte di discontinuità
con il passato più recente.

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on Tumblr0Email this to someonePrint this page

missili, difese e alleanze

Certo, fa un po’ sorridere vedere salutato come un trionfo diplomatico l’accettazione europea del sistema di difesa missilistica
che gli Usa intendono creare nella Repubblica Ceca e in Polonia. Venticinque
anni dopo il lancio del grande sogno reaganiano di creare uno scudo capace di proteggere
gli Usa da un attacco nemico – anni d’ingenti investimenti e di straordinaria
innovazione tecnologica – la montagna partorisce un topolino. Dalle chimeriche guerre
stellari di Reagan si passa al radar ceco e agli intercettori polacchi. Da
espressione estrema di un nazionalismo eccezionalista e unilaterale, il sistema
di difesa antimissile si trasforma in volgare arma di baratto diplomatico,
usata anche per bilanciare la capitolazione su Ucraina e Georgia. E a dispetto
di allargamenti, proclami e discussioni, rimane difficile comprendere quale sia
e debba essere il senso della nuova Nato.  

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on Tumblr0Email this to someonePrint this page

McCain può essere battuto

A lungo i sondaggi davano McCain perdente in un’ipotetica
sfida per le presidenziali sia con Obama sia con Clinton (anche se con la
seconda il margine di svantaggio era minore). Da almeno un paio di settimane
questi dati sono stati rovesciati. Beneficiando dell’aspra contesa tra Obama e
Clinton, McCain sopravanza, sia pure di poco, Obama e Clinton nelle proiezioni
nazionali. Soprattutto, ha un vantaggio netto su Obama in alcuni dei potenziali
swing states di novembre: l’Ohio, la Pennsylvania, la Florida.

Eppure, McCain rimane un candidato battibile. Non potrà mai prendere
pienamente le distanze da Bush e dai suoi fallimenti. Non avrà il sostegno
incondizionato di tutta la base conservatrice. Sarà penalizzato dalla
centralità che le tematiche economiche inevitabilmente avranno in un periodo di
recessione come questo. La sua età e la sua lunga presenza a Washington lo renderanno
particolarmente vulnerabile in una fase nella quale soffia forte il vento dell’antipolitica.
McCain può essere battuto e anzi, a dispetto di tutto, rimane sfavorito. A
patto che i democratici risolvano la contesa, se non subito, almeno prima dell’estate
e soprattutto prima della convenzione di Denver.

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on Tumblr0Email this to someonePrint this page

Endorsements

Il peso effettivo degli endorsement, e la loro capacità di
spostare blocchi di elettori, sono chiaramente sopravvalutati. Nel 2004
l’endorsement di Gore a Dean fu il preludio della successiva, rapida implosione
della corsa alla presidenza del secondo. Il tanto pubblicizzato endorsement di
Ted Kennedy non ha permesso a Obama di evitare una pesante sconfitta in
Massachusetts. Ecco perché l’endorsement del governatore del New Mexico, Bill
Richardson, a Obama è importante non per ciò che determinerà, ma per quel che
rappresenta. Non sposterà voti, nemmeno nella comunità ispanica, della quale
Richardson è una delle figure politiche più celebri e influenti. Non altererà
il computo dei delegati, anche perché in New Mexico si è già votato. Ma dà un
segnale assai rilevante. Blandito da entrambi i campi, l’ex ambasciatore alle
Nazioni Unite e Segretario dell’Energia di Bill Clinton sceglie Obama. “Un tradimento”,
afferma il guru clintonista James Carville, 
giunto proprio nello stesso giorno “in cui Giuda si vendette per trenta
denari d’argento”. Un modo caricaturale, e certo assai poco corretto, di  presentare quello che è invece un atto di
realismo da parte di uno tra i più accreditati candidati a fare da vice in
un  ticket presidenziale sia di Obama sia di Hillary Clinton.

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on Tumblr0Email this to someonePrint this page

Obama e la biografia della nazione

Discorso abile, furbo e certamente non facile, quello tenuto da Obama oggi a Filadelfia sulla questione razziale e sulle controverse dichiarazioni del pastore della sua chiesa di Chicago (la Trinity United Church of Christ), Jeremiah A. Wright Jr.. Il testo del discorso lo trovate qui.
Obama critica le dichiarazioni di Wright, ma non rinnega il suo legame con lui e con la sua chiesa; una volta ancora, fa della sua biografia la possibile biografia della nazione (di cui egli diventa quindi incarnazione ultima e presidente inevitabile); rivendica il coraggio di parlare esplicitamente del problema razziale, senza in realtà farlo. Ne esce, rimodulato per l’occasione, un discorso inclusivo, sincretico, ecumenico e straordinariamente patriottico. Abile, per l’appunto, in quanto vecchio quanto gli Stati Uniti stessi. Perché dietro la patina del nuovismo obamiano, sta una retorica antica: quella di un’ennesima, perenne rinascita che solo negli Stati Uniti è possibile. Topos contraddittorio e ambiguo quanto volete, questo, ma la cui forza politica e retorica rimane ancor oggi straordinaria.

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on Tumblr0Email this to someonePrint this page

Game over, then

Sette dei quattordici delegati conquistati da Edwards nei
caucus dell’Iowa hanno annunciato ieri che sosterranno Obama alla convention di
Denver. Quasi il doppio dei delegati (quattro) recuperati da Hillary Clinton
con la sua vittoria in Texas. I numeri rivelano una verità difficilmente
contestabile. Senza contare i superdelegati, molti dei quali stanno però
annunciando il loro sostegno a Obama, il senatore dell’Illinois ha un vantaggio
ora di 170 delegati. Clinton può sperare di recuperarne la metà o poco più,
stravincendo in Pennsylvania (ma perderà di lì a poco in North Carolina) e
tornando a votare in Florida e nel Michigan. La partita è in altre parole
chiusa. Ci vorrebbe davvero un bizzarro colpo di mano per riaprirla. Un colpo
di mano che spaccherebbe i democratici e avvantaggerebbe ancor più McCain, già
in rimonta nei sondaggi grazie alla guerra fratricida tra Clinton e Obama. La
politica sa essere implacabile. Perde probabilmente la candidata più preparata
e quella che su alcune questioni nodali – riforma sanitaria su tutte – ha
assunto posizioni più coraggiose e progressiste. Ma il voto è stato un altro e
avremo tempo di rifletterci sopra assieme. Game Over, then. Prima i
clintonistas lo riconoscono, meglio è per tutti. Anche per noi europei.

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on Tumblr0Email this to someonePrint this page